Un anello sopra al Molinetto della Croda – Refrontolo (TV)

Ho cercato a lungo una passeggiata nei pressi del Molinetto della Croda e finalmente ho trovato l’itinerario giusto! Seguitemi e vi condurrò tra i rigogliosi panorami dei colli di Refrontolo fino al Bivacco Casinet de Och (Marsini)!

Siamo, ancora una volta, sui nostri amati colli del Prosecco e il punto di partenza è il parcheggio del Molinetto della Croda che merita sicuramente una visita ad inizio o fine passeggiata. Decidete voi quando.

Dando le spalle al parcheggio, dovete seguire la strada principale verso destra (direzione Rolle), prestando attenzione alle macchine. Dovete continuare per circa 800 metri, fino ad una strada sterrata che parte sulla destra (segnavia n. 001) e che riporta le indicazioni per il Piote – Bivacco – Mondaresca e per l’Agriturismo Le Noci.

Sentiero 001 verso il Bivacco Marsini

La strada sterrata attraversa dapprima delle vigne.

Verso il Bivacco Marsini

Poi la strada sterrata continua verso sinistra, ma voi dovete abbandonarla e prendere il ramo di destra (con indicazioni per il bivacco) e attraversare un piccolo ponticello in legno che vi condurrà su un grande prato.

Verso il Bivacco Marsini
Il bel prato dopo il ponticello in legno

Uma, così come la maggior parte dei cani, appena vede un prato verde sufficientemente ampio, corre a perdifiato animata da un guizzo di vitalità e felicità! La sua allegria è contagiosa! Uma, inoltre, di solito marca con la schiena questi ambienti, emettendo versetti di piacere, così da lasciare il suo odore per chi verrà e per portarsi via l’aroma di quel luogo così gradevole. Lo fanno anche i vostri cani?

La traccia su prato diventa presto un sentiero di terra argillosa (molto scivoloso in caso di pioggia recente) che sale ripido verso destra e prosegue stringendosi e inoltrandosi nella boscaglia, offrendo in qua e in là alcune vedute panoramiche.

Sentiero argilloso che conduce al Bivacco
Le vedute lungo il sentiero

All’altezza di un cartello che riporta le indicazioni per il Molinetto verso sinistra e per il Bivacco verso destra, dovete prendere il sentierino che sale a gomito verso destra e che in un paio di minuti conduce al bellissimo Bivacco Casinet de Och (Marsini).

Un posto strepitoso in cui ho sostato almeno una mezz’oretta al sole godendomi il calore, la quiete, il panorama e, anche, uno spuntino, che naturalmente ho condiviso con Uma.

Il Bivacco Casinet de Och – Marsini
Il Bivacco Casinet de Och – Marsini

Al piano terra del bivacco c’è la zona giorno con il tavolo e il camino, mentre, al piano di sopra, c’è la zona notte con le tavole di legno su cui adagiare i sacchi a pelo. Una vera chicca. Magari ci torno per passarci la notte.

Riposati e rifocillati, ripartite seguendo il sentiero Maurizio e Lucio che sale alle spalle del rifugio e che conduce in cresta. Un piacevole saliscendi vi permetterà di riposare le gambe e andar più svelti.

Sentiero Maurizio e Lucio

Il sentiero conduce, in breve, ad una casera abbandonata e pericolante e prosegue ancora. Il panorama si apre sempre più.

Sul sentiero Maurizio e Lucio

Il sentiero continua in direzione della Fattoria Sociale Mondaresca, alle porte della quale meglio legare i cani. Superato il cortile della fattoria, troverete le indicazioni per Croda del Mus e Pecolon, seguitele verso destra mirando alla collinetta. Da qui il panorama è davvero bello.

Vista dalla Mondaresca

Salite la collinetta passando per le vigne e proseguite sulla traccia di destra che riporta ancora i simboli bianco-azzurri del sentiero Maurizio e Lucio. Prestate attenzione perché qui potreste confondervi un po’.

Proseguirete su sterrato e poi su sentiero fino a raggiungere la località Pecolon dove passerete accanto a delle arnie (attenzione ai cani!) e ad un boschetto di ulivi. Qui vi imbatterete in alcuni cartelli. Continuate seguendo le indicazioni per il Molinetto della Croda.

Località Pecolon

Si prosegue in mezzo alle vigne con lo sguardo che si perde ad ammirare la vallata.

Dalla località Pecolon verso il Molinetto

Raggiungerete alcune belle case e questo sarà il segnale che state per arrivare alla strada asfaltata e ad un incrocio al quale è importante che non sbagliate. Come indicano i cartelli, dovete seguire l’asfaltata che scende verso destra.

Il piccolo agglomerato di case
Indicazioni per il Molinetto

Scenderete per una mezz’oretta fino alla strada principale. Raggiunta la statale, dovete andare verso destra per 500 metri circa fino a raggiungere, nuovamente, il parcheggio del Molinetto della Croda.

Bell’anello vero?! Se vi piacciono questo tipo di passeggiate, non potete perdervi quella al Bosco Incantato di Combai!

SCHEDA

ACCESSO: dal parcheggio del Molinetto della Croda andate a destra lungo la statale in direzione Rolle fino ad uno sterrato che parte sulla destra (segnavia 001) con indicazioni per Piote – Bivacco – Mondaresca e Agriturismo Le Noci.

DIFFICOLTA’: (E) facile.

DISLIVELLO: 230 m circa.

LUNGHEZZA: 7 km circa.

TEMPO DI PERCORRENZA: ore 3.00 circa comprese le soste.

PERIODO DELL’ANNO: passeggiata adatta a tutte le stagioni. Da evitare nelle giornate estive più calde e afose.

PUNTI DI APPOGGIO E RISTORO DOG FRIENDLY: nessuno lungo il percorso. In zona ci sono diverse aziende agrituristiche.

PILLOLA CINOFILA:

È triste vedere per quante persone portare a spasso il cane sia solo l'ennesima, sgradita incombenza della giornata e non un piacere. Vedo proprietari distratti che fissano perennemente il cellulare o parlano al telefono senza mai guardare il cane e vedo cani tristi, annoiati, strattonati, frustrati che tentano di incrociare lo sguardo del proprietario, invano.

E ancora, vedo cani uscire 15 minuti intorno al quartiere solo per espletare i bisogni fisiologici, spesso, anche quelli, trattenuti fino allo stremo. Vedo guinzagli così corti che raggiungere un po' d'erba è quasi un miracolo e proprietari sempre troppo preoccupati di sporcarsi di fango le scarpe.

La scusa più ricorrente che queste persone raccontano a sé stesse e agli altri è di non avere tempo. Ma allora io mi dico, se non si ha tempo a disposizione (o voglia di ricavarlo), perché adottare un cane? Come dico sempre, non è obbligatorio. È una nostra scelta, scelta che i cani subiscono, perché loro no che non possono scegliere.

Vorrei, però, soprattutto, dire a questi proprietari che può essere più bello di così! Che la passeggiata può essere più stimolante, più divertente, più piacevole e più aggregativa. Basta mettere in tasca il telefono, spostare il proprio sguardo sul cane e, finalmente, guardarsi. Allontanarsi dal proprio quartiere e andare a fare una bella passeggiata odorosa nel verde, anche solo in un parco non troppo lontano da casa o lungo un argine o nei campi, in base a ciò che il proprio ambiente circostante offre.

Siamo noi ad avere il potere di trasformare un'attività noiosa e ripetitiva in qualcosa di vario e piacevole da condividere. Siamo noi a decidere che le scarpe sporche di fango non sono un problema, tanto si lavano. Stare insieme, in ogni relazione che possa definirsi tale, deve essere un reciproco piacere. Altrimenti, che senso ha?

2 thoughts on “Un anello sopra al Molinetto della Croda – Refrontolo (TV)

Add yours

  1. Ciao Carlotta! I tuoi percorsi sono sempre molto “invitanti” ma anche le tue perle cinofile sono utilissime! Condivido pienamente le tue osservazioni in merito a persone poco attente al proprio cane …è un rapporto di reciproco rispetto, dedizione, amore…a lungo termine si spera😍! Continua così 😎

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑